Identificarsi con le emozioni.

Identificarsi con le emozioni.

“Bene” Chiederete, “ho capito il valore di non identificarsi con le emozioni, di non renderle un “io”, ma come si fa? Farlo non è facile. E’ così facile farsi catturare dalle emozioni, perdersi nella loro energia, nei pensieri che le riguardano. Facendoci coinvolgere dall’identificazione creiamo un forte senso del sè, dell’io: “sono così arrabbiato!”, “sono così triste!” o felice, o qualsiasi cosa.  La nostra grande sfida e grande potenzialità è imparare a restare aperti all’intera gamma dei sentimenti, senza aggiungere il senso superfluo dell’io e del mio. Joseph Goldstein- La pratica della libertà.

Cosa non facile, si pratica e si comprende e si afferra e ci si stabilizza e poi ci si perde e poi, sedendosi, ci si ri-centra nella spaziosità e si osserva proprio quel superfluo. maraviglia, stupore, dono e la cosa si ripete. Passo dopo passo. Fiducia nella pratica, fiducia sempre più profonda. Grazie.

Joseph Goldstein , la foto.

Identificarsi con le emozioni.