Così scappo nel silenzio.

Così scappo nel silenzio. Purtroppo il treno è in ritardo. Sono in un albergo storico della costa romagnola, specchi, lustrini e Amarcord… mi hanno dato una camera al 4 piano vista mare e martellamento notturno del locale di fronte.

Un delirio. Non vedo l’ora di tornarmene nel silenzio. Piscina, nuoto, supermarket, gattoni, filmoni, stupende gite fuori porta, al lago, nelle Langhe, per cantine.

Non riesco a capire cosa mi sia venuto in mente, il 2 luglio, quando ho prenotato per 4 notti e anche la SPA. E adesso ho dovuto pagare tutto: la penale per aver voluto scappare oggi e anche la noiosissima spa con vari bagni turchi e saune finlandesi – con 30 e passa gradi all’ombra – piscina con acqua tiepida e idromassaggio. Tutte cose perfette per la pressione bassa e l’estate, adesso al picco più torrido.

Di solito le scelte sbagliate si pagano: sempre. Non ho ascoltato il cuore che mi ripeteva, dalla metà di luglio, di annullare, come avevo fatto l’anno scorso. Invece no: testona ho voluto provare…

Più che provare…provarmi, resistere a questa tortura.

Meno male, forse l’ho fatto per questo…anche se altri mesi sono migliori…ho incontrato la mia amica ceramista, grandissima artista, 9 anni che non ci vedevamo. Alma la sua bimba, ha 9 anni!

Sono stata accolta come se non ci vedessimo da due giorni. Ho suonato a casa sua perché adesso ha il laboratorio in casa. Se qualcuno vuole dare un’occhiata al suo sito, si chiama Cecilia Coppola.

Qualcosa di bello c’è stato e poi a me piace molto questo posto per la sua storia. Ma questa prenotazione..mantenuta dalla testona…uffa…

Mi domando se queste pessime scelte, sempre mattutine di solito, siano dovute a notti passate a lottare con Lucifero, Arimane e altre entità, o siano la semplice dimostrazione che il mio QI e la mia consapevolezza stanno andando alla deriva..verso nuovi scogli..

Qui è tutto fantastico, con super buffet e degustazioni per la settimana di ferragosto….peccato che il modello villaggio, anche se più lussuoso, non mi piaccia.

È un magnifico posto per i bambini, sono certa ma preferisco il mare limpido e qui non ho voglia di andare in acqua. Forse una passeggiata sulla battigia… ma il martello musicale che sale in camera la sera non l’ho reggo proprio e non possono cambiarmi stanza…in effetti non l’ho chiesto. Ho deciso di scappare a gambe levate e basta.

E non avevo proprio voglia di venire e chissà,perché non ho annullato..perché, perché.. mumble…mumble…volevo evitare un po’ il “ format-orso”, tentare un’uscita ancora!

Adesso so che in agosto è meglio di no e, specialmente, non qui.

7 risposte a "Così scappo nel silenzio."

      1. auacollage ha detto:

        Mi domando se ero depressa per infognarmi lì. a settembre rifaccio un giretto a Camogli. ho passato infanzia e adolescenza a “Santa”..quindi: levante sempre!

        "Mi piace"

  1. Martina ha detto:

    Sono in Romagna con amici e in alcune occasioni mi sono domandata anche io se ho problemi io, oppure gli altri. Mi sono consolata dicendomi che sono diversa. Che tutti lo siamo, chi cerca alcune cose, chi altre. Hai fatto bene a non disdire, comunque ti arricchirai di esperienze nuove, siano anche solo la passeggiata in mezzo a viali alberati o ombrelloni a colori. Sei rientrata? Un’altra scelta. Comunque tua. Hai capito cosa vuoi. Sulle decisioni prese la mattina ho anche io sempre parecchie ansie, ma alla fine credo siano quelle più pulite da vizi di routine. Buon riposo, comunque

    Piace a 3 people

I commenti sono chiusi.