Ma perchè no? 3°

Io ero sempre a scuola o in cucina con le cameriere, forse volevano vedere con chi potevo stare – per mia madre liberarsi di me, come mi disse in seguito, sarebbe stata un bel colpo di fortuna – non avrebbe più avuto tra i piedi il suo senso di colpa.

Provai a chiedere di andare in collegio ma si rifiutarono: non stava bene davanti alla gente, avrebbero fatto una brutta figura.

Mi scuso per la digressione, ripensare al passato porta sempre ipotesi e punti di vista nuovi, torniamo a Madrid.

Era pasqua. Era il mio secondo viaggio in aereo.

In aeroporto, mio padre mi regalò un maglione turchese di cachemire, lo conservai sino all’usura completa.

Non parlavo molto ma ero contenta di essere lì, di visitare il Prado e andare a vedere la corrida, che mi piacque moltissimo.

Mio padre comprò un ombrello particolare: si toglieva il manico e c’era una lama, di Toledo, molto affilata lunga, la misurai quando iniziai a usarla: ben trentatré centimetri virgola quattro.

Allora non esistevano metal detector e passammo le dogane senza problemi.

L’ombrello rimase a casa sua.

Mio padre morì nel millenovecentonovantacinque e mi ritrovai a svuotare quella grande casa.

Ritrovai l’ombrello e lo presi con me.

Rimase nel mio portaombrelli per qualche tempo poi arrivò il caso, con il suo solito modo di porsi inaspettato, quel giorno di fine marzo sui Navigli con una pioggerellina leggera, avevo portato l’ombrello.

Girai per una strada laterale che non nomino, dopo pochi passi un individuo mi si parò di fronte chiedendomi portafoglio, orologio e gioielli. Brandiva un coltellino Opinel.

Lo guardai diritto negli occhi. Ero terrorizzata. Allora stava succedendo anche a me quello che si leggeva sui giornali!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...